La verità è che gli piaci troppo

Il titolo è palesemente richiamo al libro “La verità è che non gli piaci abbastanza” (il libro e non il film, perché la versione cinematografica ha poco a che spartire col significato che gli scrittori volevano dare). Lo consiglio a tutte le ragazze che si arrovellano per capire i perché di un rifiuto, ma attente, fatevi anche una ragione: dopo averlo letto (ho constatato la cosa sulle amiche) forse per un paio di giorni guarderete gli uomini con occhi diversi, ma passato l’effetto immediato tornerete alla vostra classica visione, è inevitabile, un libro nulla può contro la psiche femminile, che fa di tutto per complicarsi la vita. Semmai potrà consolidare la sicurezza in sé stesse per chi già l’aveva, quindi non attendetevi miracoli se siete inclini al melodramma, perché così resterete per sempre, libro o non libro, al massimo vi sarete fatte due risate in più.

In realtà questo post è dedicato di più agli uomini, a quella categoria che proprio non riesce a capire (così come le donne del libro) che la ragazza oggetto del loro desiderio non uscirà/inizierà una relazione con loro cascasse l’universo.

Poche e semplici regole.

  • 1- Se è stata lei per prima a presentarsi, ad iniziare il rapporto di conoscenza, lanciare una battuta, questo non significa che sia per forza interessata a te. Ci sono altre due opzioni: o è semplicemente molto amichevole, espansiva, estroversa e disinvolta, e soprattutto non legata agli schemi tradizionali che stabiliscono che se la donna si fa avanti deve essere per forza un approccio amoroso, oppure, anche se di solito è timida e non lo farebbe, in te ha visto un potenziale amico e confidente, ha deciso che può fare la prima mossa, perché crede che tu sia assolutamente innocuo.
  • 2- Se lei non ti cerca mai, risponde ai tuoi messaggi in maniera impersonale, si nega ad ogni richiesta di uscire, è evidente che non le interessi e se anche fosse il trucchetto del fare la preziosa, durerebbe poco tempo: se tu le interessassi veramente, sta pur certo che non continuerebbe a negarsi.
  • 3- Se al punto due alterna fasi in cui ti considera maggiormente, è perché in quei momenti non ha qualcuno che le piaccia con cui passare il tempo e ha bisogno di un po’ di corte che, diciamocelo, è sempre gratificante per la propria autostima.
  • 4- Il punto tre vale ovviamente anche nel caso in cui siate “friends with benefit“, perché, come l’espressione stessa sottende, siete comunque solo friends.

In conclusione, se proprio non sai cogliere questi basilari segnali, non avere scrupoli a farle un’elementare domanda: Continue reading

Technorati Tags: , , , ,